Chi Siamo

Molti hanno avuto bisogno di danzare tanto erano felici di vivere


Holy dance? Danza santa?
Quando parliamo di santità rimaniamo un po’ attoniti perché  pensiamo a qualcosa di molto grande e che non appartiene a noi se non  alla categoria dei religiosi. Ma santo è colui che ha scoperto se stesso in relazione ad un Altro,  altro da se uguale a se stesso .

Quando parliamo di danza subito pensiamo ad una tecnica specifica, ed è giusto, ma non possiamo tralasciare che la danza non è altro che espressione del nostro divenire ciò che da sempre siamo: amore!

Dio è Amore perché si mette in relazione con me, così come sono fisicamente, caratterialmente e spiritualmente.  Quando danzo,  il mio corpo, il mio volto, il mio movimento nello spazio  non rimane evento chiuso nel tempo. Non c’è più io e non c’è più il “tu” ma diventiamo Noi. Ognuno ha un suo movimento che gli appartiene ma è solo in relazione al movimento dell’altro che si entra nella verità della danza essere un corpo solo ed un’anima sola: Dio!

Credo che un danzatore prima ancora di danzare una parte, debba avere scoperto chi è, quale tesoro possiede nel proprio corpo, e aver compreso che la sua danza non può finire in una battuta di musica, ma diventa un’artista nel momento in cui, tra sudore e lacrime, scopre quale Vita gli ha dato la vita, e che lui stesso diventa portatore di Vita.

HipHope, breakInside, classico, modernSpirit! Scegli di danzare ciò che desideri e vivi la tua vita danzando!

Il Progetto "HolyDance"

DEFINIZIONE DI HOLY DANCE

Holy dance – danza Santa! La danza è santa perché Dio danza ed è santo! Santo è Colui che Ama e chi ama danza la sua vita insieme agli altri. La danza in tale prospettiva è considerata come una realtà attraente e nello stesso tempo utile per la formazione umana e spirituale delle nuove generazioni e non solo.

DESTINATARI

La scuola di danza è aperta a tutti i bambini, ragazzi, giovani, adulti senza discriminazioni di qualsiasi genere.
A chi vi partecipa si chiede costanza, sacrificio, umiltà e semplicità di cuore.

FINALITA’

  • favorire una formazione artistica e umana/spirituale, quindi la crescita integrale di ogni persona
  • Educare i danzatori cristiani alla relazionalità, ad accogliersi nella diversità, ed imparare la necessità di non fare di se il centro di tutto ma di accettare l’espressione degli altri, come nell’arte così nella vita
  • Condurre i danzatori ad una scelta consapevole e personale di Gesù, da testimoniarsi in uno stile di vita coerente al messaggio evangelico, aperto nello stesso tempo, al servizio dei più bisognosi e alla comunicazione della Buona Notizia di Gesù Cristo sia nella comunità cristiana che civile: ospedali, case di cura, carceri, discoteche, teatri, nelle piazze…

OBIETTIVI GENERALI

  • accogliere ciascuno non come un numero di spettacolo da esibire ma valorizzare ognuno come essere unico al mondo e pertanto un dono per la società e promuovere i suoi talenti come beni non solo per se ma per l’edificazione comune
  • Educare a danzare in un’unità di spirito, lontano dall’individualismo che porta a danzare in modo esibizionista, o dal collettivismo in cui tutti devono entrare nello stesso movimento annientando la propria personalità. Insegnare a danzare integrando il movimento degli altri
  • accompagnare i giovani al rispetto del proprio corpo, al dialogo trasparente, alla responsabilità l’uno dell’altro. Formare gli animi all’appartenenza reciproca, di amicizia sincera, in cui ci si sofferma sul lato positivo della persona con cui si danza, nelle sale di prova, in chiesa come sui palcoscenici e così nella vita. Imparare a riconoscere il tu dell’altro diverso nella sua interiorità e modo d’essere ma anche come un dono di Dio per la propria crescita. In tale prospettiva sono da bandire tutti quegli atteggiamenti di pregiudizi, competizioni, invidie, diffidenze e gelosie.

METODO

Centralità della persona
La scuola di danza moderna cristiana (HOLYdance) è il luogo dove ognuno viene considerato come persona, come valore fondamentale ed irripetibile e pertanto accolto e valorizzato per se stesso. La centralità della persona umana si traduce in uno stile che privilegia il rapporto personale come via educativa.
L’Holydance deve continuamente educare a porre la persona con la sua libertà al centro di ogni interesse e al di sopra di qualsiasi metodologia.
Molteplicità dei corsi
La scuola offre vari tipi di discipline: ModernSpiritdance, hip hope, break inside, classico, sweet dance, danza liturgica, preghiera gestuata, in tale modo si da la possibilità a tutti di avvicinarsi alla danza ed imparare a sprigionare la propria interiorità.

PROPOSTE

Il modo di proporsi della scuola, per approfondire la conoscenza di se in rapporto a Dio Padre agli altri si sviluppa in più momenti:

  1. Lezioni di danza e Parola di Dio
  2. ritiri spirituali
  3. stage di danza
  4. incontri di preghiera e catechetici
  5. gite o altri momenti di aggregazione legati semplicemente dalla gioia di stare insieme e condividere quello che ognuno è

PLURALITA' DELLE PRESENZE EDUCATIVE

La scuola quale luogo di esperienza comunitaria concreta prevede una pluralità di presenze educative-spirituali: sacerdoti, religiose, laici, adulti e giovani, uomini e donne. Questa pluralità è fonte di ricchezza; la collaborazione, il confronto, la reciproca valorizzazione guidano ad una profonda corresponsabilità nell’operare insieme al servizio della chiesa e della società.